Il cielo in una stanza

Attività per osservare e scoprire il cielo anche stando a casa

L’ORIZZONTE INTORNO A NOI

Siamo tre docenti di scuola dell’infanzia (Giovanna), primaria (Antonella) e secondaria di primo grado (Valeria) che abbiamo pensato e sviluppato questo percorso nell’ambito del corso IBSE di livello avanzato promosso dal gruppo ANISN del Lazio per l’anno 2018/2019 facendo riferimento, in particolare, al seminario “Dal qui e ora al nostro posto nel mondo” di N. Lanciano.

Il lavoro è stato realizzato a seguito di corsi del gruppo di ricerca sulla pedagogia del cielo del MCE e ispirato da attività originali del testo “Strumenti per i giardini del cielo” di N. Lanciano.

In questi giorni di allontanamento “forzato” dalla didattica in presenza, abbiamo deciso di rimodulare il percorso, scegliendone una parte, per renderlo fruibile anche attraverso la didattica a distanza.

Le attività si svolgono in verticale e offrono diversi spunti di approfondimento su vari livelli.


FESTEGGIAMO IN CASA L’ARRIVO DELLA PRIMAVERA OSSERVANDO CIO’ CHE DI SPECIALE FA OGGI IL SOLE.
di Franco Lorenzoni 

La principale differenza tra noi e gli altri animali è che loro non hanno i weekend. I gatti non cambiano nulla di ciò che fanno il sabato e la domenica. Noi umani, invece, abbiamo bisogno di scandire il tempo e inventarci delle feste, delle pause, se no impazziamo. E’ importante ricordarlo in queste settimane che stiamo chiusi in casa e rischiamo di collezionare giorni tutti uguali.

“A quel tempo Useppe camminava ancora a quattro zampe e gli succedeva di confondere la terra con il cielo”  
Elsa Morante (La Storia) 

“Oggi inizia la Primavera e desidero fare gli auguri a tutte e tutti, grandi e piccoli, proponendovi di osservare qualcosa di davvero speciale che accade oggi al SOLE. Se il cielo è nuvolo potete guardarlo anche domani o dopo.

Per preparare l’osservazione ritagliamo da un cartoncino o anche da un semplice foglio di carta un piccolo quadrato con i lati di circa 20 cm (il palmo di una mano). Al centro del nostro quadrato di carta ritagliamo un cerchietto che ha un diametro di circa 4 cm (poco più di un pollice). Cerchiamo nella nostra casa una finestra dove batta il sole la mattina o a mezzogiorno. Se non la troviamo va bene anche una finestra dove batte al pomeriggio. Insomma una finestra da cui entri la luce del sole per qualche ora. 
Su uno dei vetri di questa finestra, all’altezza che volete (meglio in alto), incolliamo con dello scotch o colla o farina bagnata (se non avete colla in casa), il nostro quadrato che ha al centro il buco. I bambini della scuola di Giove, la prima volta che lo abbiamo sperimentato, hanno chiamato quel cerchietto vuoto “il nostro occhiolino”.  
Ora aspettate che arrivino i raggi del sole dentro all’osservatorio astronomico in cui avete trasformato la stanza scelta e guardate come l’ombra del quadrato disegni a terra, al suo centro, un cerchietto luminoso. Se c’è bisogno di fargli spazio spostando dei mobili, fatelo. Ii mobili si chiamano mobili perché sono mobili! 
Trovate dunque il modo di segnare sul pavimento il nostro cerchietto luminoso. Potete disegnare l’occhiolino che appare con un pennarello, con un gesso (difficile che lo abbiate) oppure con dei piccoli oggetti che avete in casa. Bambine e bambini possono trovare e segnare l’occhiolino a ogni età e saranno loro i custodi rigorosi della nostra installazione astronomica. 

Ora viene il bello, e cioè il tempo dell’attesa. Aspettate un po’ (non vi dico quanto) e guardate se l’occhiolino a terra si muove. Dovete avere pazienza, ma non troppa. Segnate il suo percorso più volte in un’ora per più tempo possibile. Se ce la fate, fino a mezzogiorno e anche dopo. L’importante è che questo luogo della casa deve essere protetto perché da oggi è un luogo speciale che ci racconta il tempo. Il tempo delle giornate che scorrono una dopo l’altra, il tempo delle stagioni che cominciamo a osservare da questa strana primavera.

Se continuiamo a guardarlo insieme, ci accorgeremo presto che il nostro occhiolino si muove e sorgono un bel po’ di domande:

Perché l’occhiolino si muove?
Quanto va veloce?
In che direzione va?
Quale percorso farà?
Andrà dritto o andrà storto?
Dove arriverà?

E poi la domanda più difficile, su cui vale la pena di sostare a lungo:

Chi è che si muove?

Prima di porvi e porre queste domande lasciate che i bambini e gli altri familiari dicono ciascuno la sua liberamente, di fronte a questo fenomeno osservato. Se volete giocare a fare la scienza come cominciò Talete e, prima di lui gli scribi egizi due millenni e mezzo fa, annotate le risposte e l’età di chi le dà. E’ sempre interessante confrontare ipotesi, opinioni, ragionamenti diversi.

Se siete grandi, cercate di non farvi accecare da quel poco di astronomia che avete studiato a scuola, spesso male, perché sganciata da ogni osservazione reale. Non vi preoccupate. Per ora non è importante cercare rapidamente risposte definitive. Limitarvi a giocare a osservare in casa che gioco sta facendo il sole catturato dal nostro occhiolino. 
Cominciate oggi, se non è nuvolo, e proseguite la stessa osservazione nei prossimi giorni.
Il piccolo quesito geometrico da cui possiamo cominciare ve lo pongo io: la luce dell’occhiolino sul pavimento (o sul muro) che state registrando almeno ogni quarto d’ora, sta tracciando una linea retta o una curva? 

Se continuate l’osservazione nei prossimi giorni e settimane potrete scoprire perché oggi è l’equinozio di primavera. Un giorno davvero speciale.

Alla prossima puntata.

Un abbraccio a tutte e tutti e non dimenticate di salutare il sole, anche da parte mia.”


CORTEGGIARE LA LUNA

Attività di percezione sulla luna per scoprire e comprendere la relazione esistente tra Terra Sole e Luna di Mariantonietta Ciarciaglini

  • Scegliere una finestra della propria casa e, nel corso della giornata guardare fuori in cerca della luna. Non appena la si trova, guardarla bene per qualche minuto, cercare dei riferimenti terrestri ( tetti, alberi, antenne, ecc) , appuntarli per non dimenticarli e alla fine disegnare  e colorare la luna rispettando forma e colore. Annotare il giorno, l’ora e la finestra da cui è stata fatta l’osservazione.
  • Ripetere l’attività ogni giorno, per più giorni, almeno 15/20; fare in modo che diventi un appuntamento fisso con la luna. Registrare le modifiche di forma, orario e posizione nel cielo rispetto ai punti di riferimento terrestri. Segnare anche quando la luna non è visibile.

LA LUNA E LA POESIA

Leggere alcune poesie o citazioni che parlano della luna come ad esempio:

La luna è una compagna fedele. Non va mai via. È sempre di guardia, risoluta, ci conosce con il buio e con la luce, e come noi è in continua trasformazione. Ogni giorno è una versione diversa di se stessa. A volte tenue e pallida, altre intensa e luminosa. La luna sa cosa significa essere umani.
Insicuri. Soli. Butterati dalle imperfezioni

Tahereh Mafi

Quel satellite era sempre stato un prezioso alleato del genere umano. La sua luce era un regalo caduto dal cielo. Prima del fuoco, degli attrezzi, del linguaggio, la luna rischiarava il buio del mondo e calmava la paura degli uomini. Le sue fasi avevano insegnato agli umani il concetto di tempo.

Haruki Murakami

Dolce e chiara è la notte e senza vento, e queta sovra i tetti e in mezzo agli orti posa la luna, e di lontan rivela serena ogni montagna.

Giacomo Leopardi

Sceglierne una e rappresentarla con un disegno.